CLIENTE: Società dei Concerti / Direzione creativa: Fulvio Enrico Bullo  Regia e fotografia: Fulvio Enrico Bullo / Suono presa diretta e sound editing: Denis Zupin

IL CONTESTO

La Società dei Concerti è una tra le più importanti associazioni musicali del Nordest. La sua attività risale al 1932 per la volontà di nomi importanti della vita culturale triestina tra cui Kugy, Hermet e de Szombathely.

Negli anni ha ospitato artisti di spessore mondiale (Karajan, Rostropovic o Poulenc solo per citarne alcuni), ma ha saputo valorizzare anche musicisti emergenti, provenienti dall’Italia e dall’estero.

LA SFIDA

La situazione improvvisa venutasi a creare in seguito alle restrizioni imposte dall’emergenza Covid-19 all’inizio del 2020 ha costretto la Società dei Concerti a ripensare momentaneamente al modo con cui far arrivare la musica ai propri soci.

Da qui la sfida, raccolta dalla nostra agenzia, di produrre una delle prime serie video in Italia dedicate alla musica classica in epoca Covid-19. Una web series realizzata professionalmente e distribuita tramite i canali della Società sotto forma di eventi a durata limitata, dal nome “La Musica Riparte”.

LA SOLUZIONE

Il nostro approccio creativo mirava a trasmettere un’esperienza di ascolto in un contesto informale senza rinunciare alla qualità, registrando a casa degli stessi artisti e mantenendo la semplicità nelle soluzioni visive.

Nessun set costruito ad hoc o situazioni forzate, ma esecuzioni registrate nei soggiorni, tra gli oggetti quotidiani, con una fotografia che simulasse la luce naturale. Lo spettatore si riscopriva ogni settimana ospite fortunato di un momento musicale, ritrovando quel senso di comunità che era stato momentaneamente interrotto dalle vicende globali che conosciamo.

La serie “La Musica Riparte”, andata in onda nei mesi di maggio, giugno e luglio per un totale di 8 concerti, è stata ripresa e citata da AMuR, l’insieme delle Associazioni Musicali in Rete, e dalle principali testate di Friuli Venezia Giulia e Veneto.

L’opera di consulenza musicale ha visto la partecipazione di Denis Zupin, musicista professionista, che ha saputo tradurre le necessità performative degli artisti in soluzioni efficaci di registrazione audio.